Le Marchesine – Castagnole al Forno Ripiene Marchigiane

Bentrovati carissimi lettori!

Siamo nel pieno del Carnevale e finalmente è arrivato il momento di raccontarvi questa immensa golosità che si trova soprattutto nelle Marche e nei panifici di confine.

Si chiamano Marchesine, più note come Castagnole al forno anche se non sono né fritte né tonde! Sono fatte di pasta choux come i bigné e gli éclair e vengono farcite principalmente con crema pasticciera, chantilly, diplomatica e così via. Il “tuffo nell’alchermes” e la “rotolata” nello zucchero sono fondamentali per rendere le Marchesine uniche e irresistibili!

Sono particolarmente affezionata a questi dolcetti perché mi ricordano l’infanzia, a quando andavo a curiosare fra la spesa della mamma e speravo di incontrarle fra i sacchettini del panettiere! A volte erano vuote, a volte piene di crema oppure panna montata!

Con questa ricetta si realizzano 6 castagnole lunghe circa 10/15 cm e circa 6/7 a forma di bigné, ma se preferite potrete optare per la creazione di un solo tipo di formato.

INGREDIENTI:

  • 250 g. di acqua
  • 4 uova medie
  • 150 g. di farina 00
  • 80 g. di burro
  • un pizzico di sale

PER LA DECORAZIONE FINALE:

  • liquore Alchermes  circa 200 ml.
  • zucchero semolato q.b.

PROCEDIMENTO*:

  1. Fate bollire in una pentola, possibilmente dai bordi alti tipo casseruola, acqua,  burro e sale.
  2. Togliete la pentola dal fuoco al primo accenno di bollore e unite la farina in un colpo solo mescolando continuamente con un cucchiaio di legno fino ad ottenere un composto omogeneo.
  3. Rimettete la pentola sul fuoco per far si che gli amidi si trasformino in gelatina, cuocere la massa fino a che si stacchi dalle pareti e dal fondo della pentola.
  4. Trasferite il composto su il piano di marmo della cucina per raffreddarlo oppure in un piatto. Attendete qualche minuto che si raffreddi altrimenti le uova aggiunte rischiano di cuocersi!
  5. Intanto accendete il forno statico e impostatelo a 200°
  6. Con l’aiuto di una spatola, mettete l’impasto in un recipiente capiente e aggiungete il primo uovo; assicuratevi che si incorpori bene prima di proseguire con il secondo e così via.
  7. Il composto sarà pronto quando sollevando la spatola comparirà una sorta di triangolo che scende lentamente dalla spatola.
  8. Procuratevi una teglia, foderatela con la carta forno e con l’aiuto di una tasca da pasticcere (detta anche sac à poche) formate le castagnole tracciando due righe di impasto una attaccata all’altra e una sopra, in mezzo alle due sottostanti come si vede nella figura 1. 
  9. Considerate almeno due cm. di distanza fra di loro per evitare che si incollino durante la cottura.
  10. Cuocete a 200° in forno statico precedentemente riscaldato per 20 minuti, poi abbassate la temperatura a 180° per altri 10 minuti. Al termine della cottura aprite leggermente lo sportello del forno per fare uscire il vapore. Spegnete il forno e lasciate ancora qualche minuto le castagnole all’interno del forno con lo sportello un pochino aperto (io ci metto in mezzo il manico di un cucchiaio di legno).
  11. Lasciate raffreddare bene le castagnole prima di farcirle.
  12. Dopo la farcitura passate le castagnole prima nell’Alchermes e poi nello zucchero semolato.

*se cliccate su questo link pasta choux potrete vedere le fotografie dei passaggi.

NOTE:

Potrete farcire le vostre castagnole con della panna montata o con della crema pasticcera (cliccate sul link per andare subito alla ricetta) altrimenti con crema diplomatica che si crea unendo la crema pasticcera alla panna montata: pesate la crema pasticcera e unite la metà di panna montata. Per esempio se avete 600 grammi di crema pasticcera allora unite ad essa 300 grammi di panna montata.

Le castagnole farcite devono essere conservate in frigorifero per massimo tre giorni. Quelle vuote invece staranno bene anche in un contenitore ermetico per più tempo.

Per qualunque cosa sarò lieta di scambiare opinioni e consigli fra i commenti qui sotto oppure venite a trovarmi sui miei canali social:

su Facebook: Golosinda

su Instagram: Golosinda.it

Prepara le Marchesine, scatta una foto e tagga @golosindait : la pubblicherò fra le mie stories!

 

Fig. 1
Castagnole appena cotte

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *